Etichette Prodotto ed eCommerce

Le etichette prodotto sono uno strumento di tutela fondamentale, le regole valgono anche nell’eCommerce

Lo sviluppo di un mercato concorrenziale e allo stesso tempo trasparente passa anche dalla necessità di osservare normative che garantiscano determinati standard qualitativi e di tutela della salute dei consumatori.
In tal senso, a livello europeo risulta di primaria importanza l’aspetto dell’ in relazione a particolari tipologie di prodotti. Diverse le norme europee, soprattutto regolamenti e direttive, poi recepite nel nostro ordinamento, che prevedono l’obbligo di indicazioni specifiche.

L’operatore economico è obbligato a mettere a disposizione tutte le informazioni previste dalla normativa europea e nazionale, affinché il consumatore possa essere sempre consapevole di cosa sta acquistando, in negozio oppure online. Sì, anche online, in quanto il , in forte crescita in tutto il comparto europeo, non è certo esente da questi obblighi.

Le Guide del MISE

Per questo motivo, il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE), attraverso il suo sito web, e in collaborazione con Unioncamere, ha messo a disposizione delle vere e proprie guide sia per i consumatori che si trovano mediante l’etichettatura a valutare la composizione e le caratteristiche di un determinato prodotto, sia per gli operatori economici del settore che devono compilare correttamente l’etichetta della loro merce.

Tali guide hanno l’obiettivo di offrire a produttori, importatori, distributori informazioni chiare e di agevole consultazione sugli obblighi previsti in materia di etichettatura di composizione di prodotti quali ad esempio quelli tessili, le calzature o, ancora, i giocattoli. È obbligatorio infatti che tali prodotti siano messi a disposizione sul mercato solo se etichettati, contrassegnati o accompagnati da documenti commerciali in conformità con la normativa vigente.

Alcuni esempi di contenuto nelle Etichette Prodotto

Simboli delle etichette

Per esempio, per quanto riguarda le calzature, che siano scarpe eleganti o sportive, sandali, stivali, pantofole, scarpe da ballo, scarponi da sci, calzature usa e getta ecc., per poter circolare liberamente nel mercato europeo devono essere tutte accompagnate da una corretta etichettatura che ne specifichi la composizione delle varie parti.
L’etichetta prodotto a norma di legge deve essere scritta anche in lingua italiana e fornire informazioni relative al materiale di cui sono fatte – almeno per l’80% – le parti che compongono la calzatura.
I diversi materiali (cuoio, materiali tessili ecc.) sono indicati con appositi simboli grafici standardizzati.
È possibile integrare, in maniera volontaria, le informazioni obbligatorie con altre indicazioni supplementari, come ad esempio indicazioni sulla qualità dei materiali impiegati e delle finiture, purché siano veritiere e non tali da indurre in errore il consumatore.

Etichette Prodotto nei giocattoli

Di grande rilevanza, per fare un altro esempio, anche le disposizioni riguardanti l’etichettatura dei giocattoli, oggetto di una guida apposita. Difatti, Per far sì che la salute dei più piccoli sia il meno possibile sottoposti a rischi, l’attuale normativa europea e nazionale in tema di sicurezza dei giocattoli è particolarmente stringente. In generale, si osserva come alcuni giocattoli risultino sicuri per una determinata categoria di bambino o per un determinato impiego, ma possano essere pericolosi per altre categorie di bambini o se utilizzati in altre modalità. Per questo, oltre al marchio e ai dati del produttore, l’etichetta dovrà riportare indicazioni come l’età minima o massima dell’utilizzatore, l’eventuale necessità di sorveglianza dell’adulto per l’utilizzo del giocattolo, ed eventuali altre precauzioni. Le informazioni necessarie possono essere più ampiamente illustrate anche sull’imballaggio del giocattolo o in un foglio di istruzioni per l’uso.

Insomma, da quanto esposto e dagli esempi portati, emerge senz’altro come la trasparenza delle informazioni, anche attraverso lo strumento dell’etichettatura delle merci, sia ritenuto un valore fondamentale per favorire un mercato concorrenziale per gli operatori economici che vi operano correttamente e garantire un elevato livello di tutela dei consumatori.

Tutti aspetti che anche gli operatori dell’e-Commerce devono avere ben presenti. In tal senso, le guide messe a disposizione dal MISE possono essere d’aiuto.

Potete consultare la pagina relativa al seguente link: 

https://www.mise.gov.it/index.php/it/76-cittadino-e-consumatori/2040567-prodotti-sicuri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *