Svuota Carrello : a CHI serve?

In moltissimi e-commerce, compresi quelli più blasonati, esiste la funzione SVUOTA . Pochi però si sono mai chiesti a CHI serva quel bottone.

“L’ho trovato, è stato il programmatore a metterlo.. eppoi c’è anche sul quel bel sito e-commerce.. quello che è famoso… quello che vende molto..si vede che serve!!”

Ma la vera domanda da porsi non è a cosa serve ma A CHI SERVE?

Al merchant?
Quel link potrebbe essere la causa di una mancata vendita: premuto inavvertitamente potrebbe indurre il nostro cliente ad abbandonare il negozio;

All’utente?
Quel link serve per cominciare ex-novo? Vuol dire che il nostro utente ha messo nel carrello degli articoli a caso? Esistono utenti così tonti? E’ questo quello che pensiamo del nostro cliente?
Un utente inesperto può inserire inavvertitamente un prodotto oppure errare una quantità, ma in tutti i carrelli esiste già la funzione di aggiornamento/eliminazione del singolo rigo.

A chi serve? A NESSUNO!!
Ma allora perché continuiamo tutti insistentemente ad usarlo?

Non creiamo distrazioni, non mostriamo ai nostri clienti inutili porte di uscita. Facciamo così tanta fatica per farci trovare, perché invitarli ad andare nel negozio in parte al nostro?
(nel web i negozi distano solo un click uno dall’altro!)

4 comments for “Svuota Carrello : a CHI serve?

  1. 4 settembre 2008 at 8:28 pm

    Un Deja-vù 🙂

    Negli e-commerce, ma nei siti in generale, c’è sempre qualche pulsante o funzione oramai istituzionale ma che a pensarci bene non serve a nulla.

    Altro esempio è il pulsante “reset” o “cancella” nelle form. Perchè dopo aver scritto tanti bei dati dovrei cancellar tutto? Al massimo non faccio l’invia. Bho!

  2. 24 settembre 2008 at 4:50 pm

    A pensarci bene è verissimo sono d’accordissimo 🙂

  3. 14 ottobre 2008 at 4:48 am

    In effetti sono quelle cosa a cui uno non ci fa caso ed inserisce per “abitudine”, un po’ come la registrazione obbligatoria prima di un acquisto, ma siamo davvero sicuri che sia indispensabile?

    Al massimo è utile per coccolare i clienti abituali, ma si rischia di perdere i clienti nuovi che non hanno tempo/voglia/intenzione di registrarsi.

    Un’interessante ricerca in merito l’ha fatta Maisazi (http://www.maisazi.com/2008/04/evento-maisazi-compra.php) e offre davvero molti spunti di discussione sull’argomento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *