legge 388 IV Bando: ancora attesa per i fondi

Finanziamento Bando 388

Finanziamento Bando 388

Lo scorso 2 Febbraio venivano pubblicate in G.U. le 

 alle agevolazioni per il commercio elettronico di cui legge 388 del Dicembre 2000 relative al IV Bando anno 2006.

Gli e-store presenti in graduatoria hanno provveduto, nei termini previsti dal  Decreto n. 885 del 23 gennaio 2008, a presentare i rendiconti  degli investimenti effettuati.

Da allora, nonostante le agevolazioni siano previste in forma di  credito d’imposta,  i merchant sono ancora in attesa che il Medio Credito Centrale dia comunicazioni ufficiali.

A seguito di diverse richieste di delucidazioni e aggiornamenti sullo stato dei rendiconti dei progetti presentati – AICEL è stata parte attiva nella costituzione di ATI- , MCC ha fornito la seguente risposta:

“L’erogazione delle agevolazioni alle imprese ai sensi della Legge 388/00 “IV° Bando”, purchè l’esito della domanda di fruizione sia positivo, dovrebbe avvenire verso la fine del corrente anno, ovvero nella prima parte del prossimo anno.
Le domande vengono valutate nell’ordine cronologico di arrivo della domanda di fruizione. Sarà nostra cura richiedere alle imprese eventuali chiarimenti e/o documentazione mancante, laddove necessario.
Attualmente non è possibile fornirVi una tempistica precisa per l’erogazione in quanto, oltre alle suddette valutazioni, è necessario attendere che i fondi vengano versati da parte delle Amministrazioni competenti.”

Risposta che non può essere considerata assolutamente soddisfacente. I merchant hanno da tempo rendicontato gli investimenti, da tempo hanno saldato tutti i fornitori.

Considerata la particolare congiuntura economica non positiva, ogni ritardo rischia di compromettere il buon andamento di tante realtà (piccole, medie e grandi) che operano nell’e-commerce e che con buona probabilità hanno affrontato investimenti straordinari solo perché ‘garantiti’ dal finanziamento.

97 comments for “legge 388 IV Bando: ancora attesa per i fondi

  1. franco ferrari
    7 dicembre 2011 at 12:56 pm

    Buongiorno Patrizia, ci sta dando più notizie Lei nei suoi ultimi post che tutti gli altri messi assieme negli ultimi tre anni.
    Da parte nostra ho di nuovo richiesto info all’indirizzo email sopracitato, ma rispondono come sempre: “nel confermarLe che le attività di definizione degli esiti istruttori sono in corso, Le segnalo che siamo tuttora in attesa che l’Amministrazione metta a disposizione le risorse per la necessaria copertura finanziaria dei progetti ritenuti ammissibili alle agevolazioni”

  2. franco ferrari
    17 gennaio 2012 at 2:53 pm

    Buongiorno e buon anno a tutti,
    qualche nuova notizia o tutto tace?

  3. 17 gennaio 2012 at 11:43 pm

    Siamo pronti a partire. Abbiamo ricevuto anche l’ultima risposta che ci serviva e finalmente possiamo passare alla fase attiva.
    Nei prossimi giorni invito ad aderire formalmente ad una azione comune.
    I tempi della burocrazia sono lunghi, ma non abbiamo desistito!

  4. Paolo
    18 gennaio 2012 at 10:37 am

    Buongiorno
    ringrazio per l’aggiornamento, e vi chiedo cortesemente che azioni bisogna compiere per aderire ad una azione comune al fine di poter coinvolgere le imprese del consorzio

    Cordiali Saluti

  5. 19 gennaio 2012 at 6:18 pm

    Alcuni miei clienti hanno ricevuto una richiesta di integrazione, nel corso del mese di dicembre 2011.
    Un’assurdità…

  6. 26 gennaio 2012 at 12:15 am

    Finalmente siamo pronti e possiamo attivarci come Associazione

    Qui http://www.aicel.org/azioni-aicel/iv-bando-ecommerce-al-via-liniziativa-comune troverete un resoconto di quanto fatto fino ad oggi e un form di richiesta per aderire formalmente all’iniziativa.

    Nonostante le liberalizzazioni Monti, non ci è possibile pubblicare di più di quanto abbiamo scritto .
    A quanti avevano fornito la mail (e quindi inseriti in newslette 388) domani provvederemo ad inviare qualche informazione in più.

  7. 2 febbraio 2012 at 3:49 pm

    eppur si muove!

    Mentre AICEL continua a raccogliere adesioni per iniziare l’azione comune (chi non avesse ancora aderito può farlo compilando la richiesta all’indirizzo http://www.aicel.org/azioni-aicel/iv-bando-ecommerce-al-via-liniziativa-comune), qualcosa sembra essersi sbloccato anche a livello del gestore.
    Lo scorso 26 Gennaio, avevo preavvisato che avremmo spedito maggiori informazioni ma una serie di ‘segnali’ ci hanno consigliato di attendere ancora qualche giorno.
    Finalmente possiamo dare per certo che il gestore si è rimesso in moto e sta effettuando le operazioni di controllo. In questi giorni molti consorzi e singole aziende stanno ricevendo richieste di ‘integrazioni documentali’. Perlopiù si tratta di chiarire alcune posizioni (aziende presenti in più progetti) e/o integrazioni documentali come i verbali di consegna.
    Rinnovandovi l’invito ad aderire comunque all’azione comune, vi chiedo se nel mentre anche voi abbiate ricevuto queste richieste.

  8. Paol Pagotto
    2 febbraio 2012 at 5:17 pm

    salve,
    è possibile sapere da che ente provengono le richieste di integrazione? nel caso di consorzi, le richieste vengono fatte a ciascun consorziato, o cumulativamente al consorzio con l’onere di coordinarne la raccolta? Ringrazio anticipatamente per il cordiale riscontro. PS è possibile avere contatti telefonici riportati nelle lettere di richiesta integrazione?

  9. 3 febbraio 2012 at 12:08 am

    Le richieste provengono direttamente dal gestore e sono rivolte sia al consorzio che al singolo consorziato ognuno per la parte di sua competenza. Nessuna dicitura sulla raccolta congiunta dei documenti.
    Le richieste che abbiamo raccolto sono state già trasmesse ai legali di AICEL, nei prossimi giorni contiamo di avere un quadro più chiaro.

  10. roberto
    11 maggio 2012 at 10:41 am

    confermo che qualche segnale di rimessa in movimento sembra esserci. Attraverso l’agenzia delle entrate, unicredit ha chiesto un integrazione di bolli. Ovviamente può essere un sistema per introitare solo qualche altra risorsa.

  11. 11 maggio 2012 at 11:14 am

    Stanno solo aspettando che l’elenco di chi reclama i propri soldi diminuisca sempre più. E’ la classica tattica di chi non vuole pagare. Più tempo passa e più gente molla la presa…

  12. 11 maggio 2012 at 11:36 am

    E noi non molliamo! Ecco perché importante continuare ad aderire all’iniziativa comune: http://www.aicel.org/azioni-aicel/iv-bando-ecommerce-al-via-liniziativa-comune

  13. patrizia
    11 dicembre 2012 at 11:49 am

    Gent.mi,
    volevo sapere se avete avuto novità in merito.
    Vi segnalo che gennaio 2012 abbiamo integrato i documenti relativi al DURC e le varie dichiarazioni sulle cartelle esattoriali. Documentazione necessaria per l’emissione del decreto di fruizione. Telefonata nel novembre 2012, hanno riferito che “il decreto di fruizione presumibilmente (sottolineo presumibilmente) sarà emesso nei primi mesi del 2013. (passerà se ottimisti, nuovamente più di un anno dalla data di inoltro della documentazione). Si giustifica il fatto che essendo i fondi rimasti inutilizzati per più di cinque anni il Ministero li abbia conferiti quali risorse in altri Bandi, pertanto si attende la destinazione di nuove risorse.
    Per mera informazione l’azienda aveva rendicontato il tutto a gennaio 2008 senza nessuna richiesta di integrazione.
    Chiedevo se alcuni di voi sono nella stessa situazione, senza pensare a quanti anni dovranno ancora passare per le aziende che ad oggi hanno inviato la documentazione integrativa, ma non hanno avuto richiesta per quanto riguarda il DURC, o per quelle che ad oggi non hanno ricevuto nessuna notifica.
    Mi chiedo se il Ministro Passera ha dato indicazioni in merito visto la vostra lettera inviata maggio 2012.

  14. 13 dicembre 2012 at 12:29 pm

    Noi abbiamo completato il tutto, nell’ormai lontano 2006, ma a tutt’oggi non abbiamo ricevuto nessuna richiesta di integrazione della documentazione, nè tantomeno risposte agli innumerevoli solleciti inviati a MCC prima ed Unicredit poi.

  15. 13 febbraio 2013 at 7:55 am

    Credete che dobbiamo abbandonare ogni speranza di avere questi fondi? Abbiamo notizie dell’azione legale intrapresa con AICEL?

  16. Ferrari Franco
    24 aprile 2013 at 9:26 pm

    Buongiorno a tutti
    sono per caso giunte delle nuove notizie o tutto tace?

  17. 25 aprile 2013 at 7:09 pm

    Nei giorni scorsi abbiamo inviato ulteriori richieste di accesso atti e richieste di sblocco fonti. Stiamo ultimando quindi l’iter ‘burocratico’, indispensabile per poter poi procedere in altra sede

  18. 26 aprile 2013 at 12:01 pm

    In data 24 aprile 2013 un’azienda cliente del mio Studio (l’unica al momento su 60 domande presentate ca.), appartenente al comparto turistico (ma non credo abbia valenza), ha ricevuto un fax dall’UniCredit Subsidized Loan Centro Sud (Largo Angelo Fochetti, 16 – Roma) con la richiesta dei documenti necessari all’emanazione del D.M. di agevolazione delle agevolazioni finanziarie in oggetto.

    Con cortese urgenza!

    Per la cronaca sono stati richiesti DURC, Deggendorf ed un’Autocertificazione riportante un po’ di tati aziendali.

  19. 7 maggio 2013 at 9:09 am

    Bella storia. Speriamo trovino i fondi e non facciano troppe storie.
    Io negli ani scorsi ero a postissimo con le tasse, adesso molto meno..
    Cos’è il deggendorf? (su wikipedia dice che è una cittadina bavarese!)

    Saluti

  20. 9 maggio 2013 at 11:42 am

    Gent.mo Fabrizio,
    spero che la tua azienda sia fortunata. Come scritto a dicembre 2012 avendo integrato quanto richiesto a gennaio 2012 (con urgenza!) ad oggi maggio 2013 non abbiamo ancora ricevuto nessuna risposta. Ma come anticipato dalla loro telefonata presumibilmente avrebbero emesso il decreto nei primi mesi del 2013.
    Attendiamo presumibilmente per………….

  21. Franco Ferrari
    11 maggio 2013 at 4:34 pm

    Sentiti telefonicamente qualche giorno fa (una volta ogni sei mesi circa lo faccio), ma non ci sono assolutamente nuove buone notizie, nessuna, neanche la speranza. Ci siamo lasciati con un “provi dopo le vacanze estive”.

  22. 15 maggio 2013 at 8:04 am

    Ho ricevuto, sulla PEC del nostro consorzio, questa mail:
    “ENERWIN
    Società Consortile a responsabiltà limitata

    Da: “Per conto di: consorzioevan@pec.itposta-certificata@pec.aruba.it
    A: ENERWIN@PEC.IT
    Cc:
    Data: Wed, 8 May 2013 15:40:21 +0200
    Oggetto: POSTA CERTIFICATA: URGENTE – Legge 388: entro il 13 giugno occorre inviare diffida per interrompere la prescrizione

    Gentili Signori,

    Nel 2006 le società del Consorzio – come quelle aderenti al vostro – sono
    state ammesse a richiedere il contributo per la Legge 388, per un totale
    di 729.000 euro (in credito d’imposta).
    Tale contributo non è mai stato erogato a causa di una sospensione delle
    attività di valutazione istruttoria – che avrebbe dovuto essere temporanea
    – dovuta a un accertamento per vicende giudiziarie.
    Il 28 novembre 2012 i consorziati Evan, attraverso lo Studio Tanzarella di
    Milano, hanno presentato un’istanza al Tribunale Amministrativo Regionale
    (TAR) del Lazio per chiedere di intimare al MCC spa di concludere il
    procedimento di valutazione per la concessione delle agevolazioni.
    Il TAR del Lazio ha dato ragione al Consorzio, intimando al MISE e
    Mediocredito Centrale Spa di concludere la disamina della domanda di
    agevolazione.

    La prescrizione e la diffida

    Lo Studio Tanzarella ci ha recentemente informato che la vigente
    disciplina processuale impone che quanti siano nelle condizioni di
    proporre l’azione giurisdizionale, vi provvedano non oltre il 13 giugno
    prossimo venturo: questo significa che, se non si interviene con una
    diffida, le società perderanno la possibilità di richiedere la procedura
    d’urgenza per la disamina della domanda di agevolazione.

    Considerata la necessità di un attento esame delle diverse situazioni e la
    brevità del tempo residuo per provvedervi, riteniamo consigliabile che
    ogni soggetto potenzialmente interessato (e quindi anche coloro che hanno
    presentato domande per i bandi relativi agli anni 2004 e 2005 che
    presentano particolari profili di delicatezza) presenti la diffida così da
    assicurarsi, nel caso lo ritenesse opportuno, la fattibilità dell’azione.

    Il nostro ufficio legale ha elaborato un modello standard di diffida,
    utilizzabile quale base per la rappresentazione di ogni singola posizione
    individuale, ciò nella prospettiva dell’eventuale futura azione
    giurisdizionale esclusivamente da parte di coloro la cui specifica
    posizione giuridica dovesse far ritenere attendibile la possibilità di un
    esito favorevole dell’azione.

    La diffida è distribuita gratuitamente*: è sufficiente inviare una mail di
    richiesta a ufficio.legale@consorzio-evan.com
    .

    Inoltre, se siete interessati a valutare la partecipazione ad una
    iniziativa congiunta che permetta di utilizzare l’esperienza del nostro
    Studio per provare a recuperare il contributo dichiarato ammissibile e gli
    eventuali danni conseguenti al ritardo con cui verrà utilizzato il credito
    d’imposta, vi prego di contattarmi, via mail o telefonicamente.

    Rimango in attesa e porgo distinti saluti,

    Consorzio Evan
    via san Senatore 6/1 Milano
    sito http://www.consorzio-evan.com

    Qualcuno sa qualcosa? La diffida partita con la nostra azione comune, di qualche tempo fa, interrompe comunque i termini di prescrizione.

    Grazie, un saluto. Walter

  23. 15 maggio 2013 at 11:39 am

    Buongiorno Walter!

    Grazie della segnalazione.
    La stessa mail ci è arrivata qualche giorno fa e abbiamo provveduto subito ad analizzarla per capire se ci potesse essere d’aiuto.
    Specifichiamo subito che il ricorso al TAR riguarda il III Bando e non il IV per il quale AICEL sta portando avanti la procedure.

    Il risultato ottenuto è lo stesso identico ottenuto da noi per il IV Bando ma con un aggravio dei costi per la procedura di ricorso presso il tribunale amministrativo.

    AICEL e molti dei partecipanti al IV Bando 388 hanno già presentato formale diffida.

    A presto
    Andrea

  24. Marco Ferrari
    16 maggio 2013 at 7:00 pm

    Salve Andrea,
    quindi sarebbe il caso che tutte le Aziende partecipanti al IV Bando presentino formale diffida?

  25. 23 maggio 2013 at 12:26 pm

    L’azione procede. Le aziende aderenti stanno ricevendo informazioni in questi giorni
    http://www.aicel.org/legge-388-prosegue-lazione-aicel-1423.html

  26. 29 ottobre 2013 at 11:36 pm

    Importanti Novità in arrivo!

  27. 30 ottobre 2013 at 5:25 pm

    in data 18/10/2013 abbiamo ricevuto la comunicazione di concessione per l’utilizzo della fruizione. Dopo 19 mesi dall’invio dell’ultima integrazione.(spedita a gennaio 2012 – come vi scrivevo a dicembre 2012)
    nota : il D.M. n. 304 del 20/09/2012, la lettera inviata è datata 01/10/2013
    Eppur si muove……………?

  28. 30 ottobre 2013 at 8:13 pm

    dicci dicci!!

  29. 30 ottobre 2013 at 10:20 pm

    ecco le novità! 😀

  30. 31 ottobre 2013 at 7:47 am

    Dove sono?

  31. 31 ottobre 2013 at 9:28 am

    leggi quanto scritto da Patrizia

    patrizia on 30 ottobre 2013 at 5:25 pm (Edit)
    in data 18/10/2013 abbiamo ricevuto la comunicazione di concessione per l’utilizzo della fruizione. Dopo 19 mesi dall’invio dell’ultima integrazione.(spedita a gennaio 2012 – come vi scrivevo a dicembre 2012)
    nota : il D.M. n. 304 del 20/09/2012, la lettera inviata è datata 01/10/2013
    Eppur si muove……………?

  32. Andrea Spedale
    12 febbraio 2014 at 5:17 pm

    Sempre più aziende ci segnalano che sono iniziate a pervenire le raccomandate con cui Unicredit comunica ufficialmente che è possibile procedere alla compensazione del credito di imposta a valere sul quarto bando e-commerce L. 388/00.

    Confermate?

  33. Ferrari Franco
    13 febbraio 2014 at 9:21 am

    Non vorrei fare la Cassandra, ma ho interpellato Unicredit poco tempo fà e non ho avuto conferma di ciò, anzi dicono di essere ancora in alto mare e che le voci che circolano sono infondate.
    Sarebbe molto utile a questo punto sentire qualcuno che abbia ricevuto la raccomandata per l’usufruizione del credito d’imposta e averne conferma.

  34. 13 febbraio 2014 at 10:56 am

    abbiamo copia delle raccomandate. Arrivano a singhiozzo ma stanno arrivando un po’ a tutti. Il lavoro di pressing che stiamo portando avanti da anni ha iniziato a dare frutti un paio di mesi fa

  35. 19 novembre 2014 at 8:00 am

    Di nuovo tutto fermo? Possibile che non si riesca ad avere nessuna risposta dal Ministero, nè positiva nè negativa.
    Saluti

  36. 19 novembre 2014 at 10:50 am

    Molte aziende hanno già ricevuto le comunicazioni e hanno già anche usufruito del credito d’imposta!
    Probabile che la situazione sia limitata ad alcuni casi. Bisognerebbe entrare nel dettaglio

  37. Giulia
    19 maggio 2016 at 10:04 am

    Buongiorno, qualcuno ha novità? Unicredit risponde in maniera vaga a qualsiasi richiesta di informazione…..

  38. 11 ottobre 2016 at 10:02 pm

    molti dei nostri merchant hanno già ottenuto il credito d’imposta.

  39. Silvestro Tavernini
    11 ottobre 2016 at 10:25 pm

    Sulla mia posizione continuano a dirmi da anni che la procedura è in corso, ma nulla si muove.
    Quelli che hanno già ricevuto il credito d’imposta saranno stati solo più fortunati?

  40. walter mancini
    12 ottobre 2016 at 7:46 am

    E’ possibile avere notizie di prima mano da chi è riuscito a concludere l’iter?
    Sono anni che si sente dire ma, non siamo riusciti ad avere notizie da nessuno che abbia effettivamente usufruito dei fondi del bando.
    Saluti

  41. 12 ottobre 2016 at 10:56 pm

    che notizie ti servono? Noi abbiamo concluso e utilizzato il credito d’imposta

  42. 13 ottobre 2016 at 4:14 pm

    Ciao,
    anch’io vorrei avere qualche informazione da chi ce l’ha fatta,
    per esempio:
    a che indirizzo scrivere
    avete un nominativo cui rivolgersi (non dite San Gennaro…)

    Grazi
    ciao
    Stefano

  43. walter mancini
    14 ottobre 2016 at 8:14 am

    E’ la stessa informazione che vorremmo avere noi, visto che sono anni che Unicredit ed il MISE, interpellati in vari modi e in diversi dipartimenti, non forniscono alcuna informazione.

    Saluti a tutti
    Walter

  44. 14 ottobre 2016 at 11:58 am

    Question X Andrea Spedale: Noi abbiamo fatto 2 Bandi 388 con 2 diverse società, però attraverso il Consorzio Italiano per il Commercio Elettronico. Deve essere il Consorzio (che non esiste più !!!) ad attivarsi ?? O possono attivarsi le singole aziende ??
    Grazie della risposta, buona giornata. Maurizio

  45. 16 ottobre 2016 at 12:27 am

    Il credito d’imposta è in capo all’azienda e quindi l’azienda ha tutto il diritto di chiedere.
    Anche noi facevamo parte di un consorzio così come tutti.
    Abbiamo seguito le indicazioni AICEL e affidato la pratica al legale dell’associazione.

  46. Silvestro Tavernini
    16 ottobre 2016 at 1:00 am

    Quale legale dell’Associazione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *