[BILANCIO 2019] Nuovi obblighi di comunicazione per le sovvenzioni pubbliche ricevute

La legge 124 del 2017, nota come “legge sugli obblighi di trasparenza e di pubblicità” ha introdotto per tutte le imprese (imprese individuali, società di capitali e di persone) che hanno ricevuto contributi e sovvenzioni pubbliche, un obbligo di comunicazione.

A partire dal 2019 è obbligatorio infatti -dopo vedremo con quali modalità- comunicare le somme ricevute sotto forma di sovvenzioni pubbliche quando l’importo complessivo supera € 10.000

Qualora l’impresa non comunicasse queste informazioni, la stessa può essere chiamata a restituire ogni contributo ricevuto e non comunicato.
A tal proposito Assonime, con la circolare 21/2018, ha espresso le proprie perplessità riguardo ad un regime sanzionatorio così severo e, a parere di chi scrive, tali considerazioni sono più che giustificate.

Ciò che ad oggi non è ancora chiaro è se l’obbligo riguarderà solo gli importi eccedenti la soglia dei 10.000€ oppure l’importo complessivo, si attendono tuttavia ulteriori rchiarimenti.

Come vanno comunicate le sovvenzioni?

Qui inizia il vero labirinto: per le imprese che redigono il bilancio di esercizio (sia ordinario, che abbreviato che mircroimprese)  e lo depositano in Camera di Commercio, la nuova tassonomia XBRL PCI_2018-11-04 ha previsto la possibilità  di comunicare tali sovvenzioni nella Nota Integrativa.

Per le imprese individuali e le società di persone che non redigono il bilancio di esercizio (e quindi neanche la nota integrativa) viene disposto l’obbligo di comunicazione dei contributi ricevuti nel sito web aziendale.

E se l’impresa non dispone di un sito web? In questo caso la comunicazione andrà inserita nel sito web dell’associazione di categoria di cui l’impresa fa parte, che sarà quindi tenuta a mettere a disposizione una pagina dedicata ai propri associati.

Rimangono tuttavia una serie di questioni irrisolte… non si comprende infatti cosa succede se:

  • l’impresa non obbligata alla redazione del bilancio non abbia un sito web e non sia iscritta in nessuna associazione di categoria
  • l’associazione di categoria non abbia un sito web
  • le eventuali responsabilità dell’associazione di categoria nel caso in cui il proprio sito sia offline (per problemi tecnici o hackeraggi) o errato/non aggiornato
  • gli eventuali obblighi di soggetti diversi dalle imprese (professionisti, associazioni, società semplici, studi associati…)

Come si comprende… un vero e proprio labirinto! Si attendono comunque ulteriori chiarimenti.

Dott. Filippo Boron

Hai bisogno di ricevere assistenza?
Chiedi ad AICEL come fare!

Hai un eCommerce attivo?
SiNo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *